MATHESIS

DIALOGO TRA SAPERI

N° 12 - Giugno 2009

 

DA OLBIA UN FRAMMENTO DEL PLANETARIO DI ARCHIMEDE

di Giovanni Pastore

 

MATHESIS - n. 12 - Giugno 2009
Immagine di copertina:
 Archimedes (Domenico Fetti, 1620) e un frammento del Planetario di Archimede prima del restauro

Nel luglio del 2006, durante uno scavo d’emergenza nella piazza del Mercato Civico nell’abitato di Olbia, fu raccolto un frammento di una ruota dentata con denti che parvero allora di profilo triangolare. Dopo lunghi e approfonditi studi, sono emerse tre novità principali: il frammento risale alla fine del III o inizio del II secolo a.C.; il profilo dei piccoli denti è risultato curvo, non triangolare come ritenuto in precedenza; il materiale di cui è composto non è bronzo ma ottone. (continua nelle pagine JPG sottostanti).

Questo è un articolo di maggiore dettaglio, rispetto ai precedenti, del lungo e impegnativo studio scientifico-ingegneristico che mi ha portato all'attribuzione del frammento al genio del più grande scienziato del periodo greco. Il testo completo del lavoro sarà riportato negli Atti dell'XVIII Convegno Internazionale di studi su “L’Africa Romana”, Olbia 11-14 dicembre 2008, Carocci Editore, Roma, attualmente (giugno 2009) in corso di stampa (pubblicato poi a dicembre 2010). Un articolo sintetico ma aggiornato è già stato pubblicato ne L'UNIONE SARDA del 20.03.2009.

Lo studio scientifico-ingegneristico molto dettagliato sull’Ingranaggio di Archimede, in comparazione ad altri calcolatori astronomici dell’antichità, è stato pubblicato nel mese di luglio 2010 in lingua italiana, e nel mese di maggio 2013 in lingua inglese.

 


pag. 2

pag. 3

pag. 4

pag. 5


pag. 6


pag. 7


pag. 8


pag. 9


pag. 10


pag. 11


pag. 12


pag. 13

Ulteriori dettagli:

Il Planetario di Archimede ritrovato e la Brocchetta Pitagorica di Ripacandida
il LUCANO Magazine - Anno IX, N. 5 - Maggio 2011 - by Anna Mollica (htm)

Il mistero dei cieli e di Pitagora nella Brocchetta di Ripacandida
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - 16.04.2011 - by Lorenza Colicigno (htm)

Il grande valore scientifico del reperto, che riscrive la Storia della scienza:
Svelato il mistero di Archimede
L'UNIONE SARDA - 02.10.2009 - by Giovanni Pastore (htm)

Articolo sintetico ma esplicativo dello studio definitivo e dell’attribuzione ad Archimede:
A Olbia il genio di Archimede
L'UNIONE SARDA - 20.03.2009 - by Giovanni Pastore (htm)

La scoperta dei primi risultati scientifici:
Il pensiero scientifico dei Greci nascosto in un ingranaggio
IL SOLE 24 ORE - Scientific supplement "NOVA 24" - Thursday 16.10.2008 - by Giovanni Pastore (htm)

Intervista di Giovanni Pastore alla televisione di Stato greca EPT
Interview of Giovanni Pastore to the Greek television of State EPT

Il genio di Archimede snobbato in Sardegna
L'UNIONE SARDA - 10.09.2009 - by Giovanni Pastore (htm)

http://www.giovannipastore.it/ANTIKYTHERA.htm

Bocconi University - Milan - Italy

 

Giovanni PastoreL’autore dello studio scientifico-ingegneristico dell'Ingranaggio e dell'attribuzione al Planetario di Archimede:

Giovanni Pastore (1954, Rotondella - Basilicata, Italia), si è laureato a pieni voti in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Torino nel 1978. Prima ancora di laurearsi la Fiat Mirafiori di Torino gli offrì un contratto di lavoro, e per cinque anni lavorò all'ufficio progettazioni autoveicoli, occupandosi di calcolo strutturale.
E’ stato Ufficiale di complemento del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito presso lo Stabilimento Veicoli da Combattimento ex
STAVECO di Nola (NA), con incarico di revisione e collaudo di mezzi corazzati (Leopard e M113). Alcuni anni dopo è stato richiamato in servizio, presso lo stesso Stabilimento, per aggiornamenti tecnici e avanzamento di grado.
Dal 1982 vive e lavora a Policoro (Basilicata, Italia), dove esercita la libera professione di ingegnere e quella di docente a contratto di Costruzioni Meccaniche presso le Facoltà di Ingegneria Meccanica di alcune Università italiane.

The author:
Giovanni Pastore (1954, Rotondella - Basilicata, Italy), received his degree with full marks in Mechanical Engineering at Turin Polytechnic University in 1978. Even before graduating he was offered a contract at Fiat Mirafiori in Turin, where for the following five years he worked at the automotive design office, dealing with structural calculations.
He was a reserve officer with the Army Corps of Engineers at the plant of ex-combat vehicles STAVECO at Nola (Naples, Italy), appointed with the task of the revision and testing of tanks (Leopard and M113). Some years later he was recalled to duty, at the same plant, for technical updates and degree advancements.
He has lived and worked in Policoro (Basilicata, Italy) since 1982, where he works as a freelance engineer and Professor of Mechanical Engineering at the Faculty of Mechanical Engineering at several Italian universities.

 

 

Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia
Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia
Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia Un momento della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia
Alcuni momenti della conferenza di Giovanni Pastore al convegno internazionale di Olbia il 12 dicembre 2008

 

IMMAGINI:

Ingranaggio di Olbia prima del restauro
Fig. 1: Ingranaggio di Olbia prima del restauro.
Gear of Olbia before of the cleaning.

 

Ricostruzione dell'Ingranaggio di Olbia - Copyright by Giovanni Pastore
Fig. 2: Ricostruzione in scala dell’Ingranaggio di Olbia (III sec. a.C.), Museo Archeologico Nazionale di Olbia, Italia 
Design in scale of the gear of Olbia (the third century BC), National Archaeological Museum of Olbia, Italy.
(© 2006-2009 copyright Giovanni Pastore).

 

Reperto principale del Calcolatore di Antikythera
Fig. 3: Reperto principale del Calcolatore di Antikythera (I sec. a.C.), Museo Archeologico Nazionale di Atene, Grecia.
Main find of Antikythera calculator (the first century BC), National Archaeological Museum of Athens, Greece.

 

Ingranaggio dell'Astrolabio Bizantino
Fig. 4: Ruota dentata dell’Astrolabio Bizantino (746 d.C. circa), London Science Museum, Regno Unito.
Gear wheel of Byzantine astrolabe (about 746 A.C.), London Science Museum, United Kingdom.

 

Ruote dentate disegnate da al-Biruni
Fig. 5: Ruote dentate disegnate da al-Biruni, (996 d.C.), Oxford, British Library. Il disegno è molto più semplice di quello del Calcolatore di Antikythera, ma è molto probabile che sia derivato da un altro planetario simile.
Gear wheels designed by al-Biruni, (996 A.C.), Oxford, British Library. The design is very more simple than that of Antikythera calculator, but it is probably that is derived by another similar planetarium.

 

Ingranaggi disegnati da Leonardo da Vinci, Codice Atlantico, tavola 812r,    Ingranaggi disegnati da Leonardo da Vinci, Codice Atlantico, tavola 956r,
Fig. 6: (a sinistra) Ingranaggi con denti a profilo triangolare disegnati da Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico, tavola 812r, nuova numerazione.
(on the left) Gears with triangular teeth designed by Leonardo da Vinci. (1452-1519), Codice Atlantico, Table 812r, new numeration.
Fig. 7: (a destra) Ingranaggi con denti a profilo triangolare disegnati da Leonardo da Vinci (1452-1519), Codice Atlantico, tavola 956r, nuova numerazione. Al centro della ruota è riportato, in grafia non speculare, il nome della Terra, e accanto la Luna, i pianeti Venere e Mercurio, più distante lo Zodiaco. Il che fa pensare a un complesso meccanismo ad orologeria, probabilmente un astrario, un astrolabio o un planetario di cui Leonardo continuò ad interessarsi anche nel Codice di Madrid I.
(on the right) Gears with triangular teeth designed by Leonardo da Vinci. (1452-1519), Codice Atlantico, Table 956r, new numeration. In the centre of the wheel there is, in writing non mirror echo, the name of the Earth and near there is the Moon, the planets Venus and Mercury, over there the Zodiac. We think it is a complex clock drive probably an astrarium, an astrolabe or an planetarium whose Leonardo interested in Madrid I Codex too.

 

Ingranaggi moderni - foto di Giovanni Pastore
Fig. 8: Ruote dentate moderne (G. Pastore)
Modern gears.

 

 

Mathesis universalis: così Gottfried Wilhelm von Leibniz (1646-1716) chiama l'arte combinatoria, cioè lo studio di tecniche logiche finalizzate alla scoperta ed alla rappresentazione dei segreti della natura. Il germe di tale arte si trova nel pensiero del geniale filosofo catalano Ramón Llull (Raimondo Lullo, 1235-1315), capace di immaginare un meccanismo composto da cerchi concentrici, ognuno con movimento rotatorio indipendente dall'altro. L'accostamento, il rapporto ed il confronto tra lettere e simboli contenuti nei cerchi rotanti doveva servire alla soluzione dei problemi ed all'espansione del sapere. L'opera di Lullo, che suggestionò profondamente Giordano Bruno ed altri autori, è stata posta all'origine delle ricerche sull'intelligenza artificiale.
La nostra testata vuole dunque esprimere l'esigenza di un sapere unitario, di una combinazione e di un dialogo tra settori diversi delle indagini filosofiche e scientifiche.

MATHESIS - DIALOGO TRA SAPERI
Rivista semestrale dell'Associazione Sassarese di Filosofia e Scienza
Carlo Delfino Editore, via Caniga 29/B, 07100 Sassari
Tel. 079 262661-51-21 - Fax 079 261926
info@carlodelfinoeditore.it

Anno VI - n. 12 - Giugno 2009
Reg. Tribunale di Sassari n. 410 del 21-07-2003
Direttore responsabile: FEDERIGO FRANCIONI - Coordinatore: MARIOLINA PERRA
Comitato di redazione: Francesco Bua, Gian Nicola Cabizza, Anna Carboni, Daniela Donatini, Margherita Duprè, Mario Fadda, Paolo U. Pinna Parpaglia, Rossana Quidacciolu, Yerina Ruiu, Francesco Sircana
Redazione: Via A. Roth, 1, Sassari - Tel. 079 291486 - Tel. 079 274897
Stampa: Tipografia Moderna - Sassari - Grafica: Angelino Fiori

In copertina: Archimedes (Domenico Fetti, 1620) e un frammento del Planetario di Archimede prima del restauro.

 

 

Prof. Ing. GIOVANNI PASTORE
Via Monte Bianco, 14
I-75025 POLICORO (Matera) 
ITALY

ph. +39 0835 980530


E-MAIL: info@giovannipastore.it

 

 

Book by Giovanni Pastore
THE RECOVERED ARCHIMEDES PLANETARIUM
Science, technology, history, literature and archaeology, certainty and conjecture on the most ancient and extraordinary astronomical calculating device. With two other scientific studies: on the Antikythera Planetarium and the Pitcher of Ripacandida.
With the appendix:
Pythagoras in the contemporary world. Influences of Pythagorean scientific philosophy in the modern and contemporary world.
Summary in: English - Italiano - Ελληνικά - 日本語 - Español - Français - Português - Deutsch - Tiếng Việt
(The book is written in English, ISBN  9788890471544)

 

 

Libro di Giovanni Pastore
IL PLANETARIO DI ARCHIMEDE RITROVATO
Scienza, tecnologia, storia, letteratura e archeologia, certezze e congetture sul più antico e straordinario calcolatore astronomico
Con altri due studi scientifici:
sul Planetario di Antikythera e sulla Brocchetta di Ripacandida
Summary in: Italiano - English - Ελληνικά - 日本語 - Español - Français - Português - Deutsch - Tiếng Việt
(Il libro è scritto in Italiano, ISBN  9788890471520)

 

 

IL MECCANISMO DI ANTIKYTHERA
THE ANTIKYTHERA MECHANISM
  Italian and English version 

 

 

Alla pagina web del libro di Giovanni Pastore
ANTIKYTHERA E I REGOLI CALCOLATORI
Tecnologia e scienza del calcolatore astronomico dei Greci
Istruzioni per l’uso dei regoli calcolatori logaritmici matematici, cemento armato e speciali, con numerosi esempi di calcolo

 

 

Alla pagina web del libro di Giovanni Pastore
GLI INFORTUNI DOMESTICI
Come prevenirli

 

 

(alla versione italiana)

 

(to the english version)     (à la version française)     (Zur Deutsche Version)

 

(a la version española)     (Versão em Português - Brasileiro)     (In versiunea romaneasca)

 

(日本語版へ - to the japanese version)

 

(中文版 - to the chinese version)

 

 

 

Copyright © 2001-2017 by Giovanni Pastore